Eventi

“Venti Venti – Surrealismo Virale”
Arte e musica di Samuele Venturin

Siamo molto contenti di presentarvi il meraviglioso progetto di arte e musica di Samuele Venturin “Venti Venti – Surrealismo Virale”, presso gli spazi espositivi Associazione 4quARTI, Firenze, inaugurazione domenica 25 ottobre, dalle 15 alle 20. Nel rispetto delle normative anti-Covid, le visite alla mostra saranno scaglionate in gruppi di massimo 10 persone della durata di un’ora. Prenotatevi all’email info@4quarti.net indicando la fascia oraria desiderata. Per i non soci è richiesta l’iscrizione alla pagina web 4quarti.net/iscrizione-online/.
«Samuele Venturin, oltre ad essere il musicista che tutti conoscono, compositore e raffinato polistrumentista, figura difficilmente classificabile nelle sue molteplici incarnazioni che vanno dal jazz alla rivisitazione della musica popolare (già giovanissimo è storico accompagnatore di Caterina Bueno) è anche dotato pittore che a un inconfondibile segno grafico unisce una sensibilità cromatica personalissima, che ha più di un punto di contatto con le sue tessiture musicali. Anche qui un linguaggio che sotto alla diretta e apparentemente semplice comunicazione, sottende complessità inaspettate. Dopo “Camaleonte”, la sua prima personale tenutasi nel bello spazio dello Studio Rosai di Firenze, eccolo con una nuova esposizione dal titolo “Senza parole”, che allude alle difficoltà di questo periodo.» Presentazione di Fabio Norcini, ex direttore artistico del Rosai.
In occasione del Vernissage l’Artista presenterà le musiche dell’ultimo lavoro discografico “Senza Parole” di Tonio Manasca (Samuele Venturin) con Renato Cordovani, Saverio Damiani, Andrea Dilillo, Emanuele Parrini

Quando: vernissage 25 ottobre 2020 dalle 15:00 alle 20:00
Dove: Via Spontini 47, Firenze

Richiesta prenotazione

Improgress: unità performative variegate

Tre serate di musica improvvisata con una sola certezza: musica e variabili umane non sono prevedibili. IMPROGRESS continua la tradizione dell’ormai collaudato ImproZero. La struttura è semplice: tramite sorteggi fatti nel corso della serata cui parteciperanno i musicisti presenti, verranno decise le formazioni che andranno ad esibirsi (quartetto, duo, solo ecc.) e i componenti di ognuno.
Le performance dureranno circa dieci minuti ciascuna. Nessuna regola se non quella di abbatterle tutte e lasciare alla libera espressione il compito di impreziosire le esibizioni che metteranno in relazione musicisti di provenienza e attitudine diversa in unità performative variegate attraverso l’estemporaneità della musica improvvisata (non sono ammessi standard o partiture).

Gli incontri:
Sabato 29 febbraio
Domenica 29 marzo
Domenica 26 aprile

Quando: a causa dell’emergenza sanitaria in corso, gli incontri di marzo e aprile sono stati annullati e verranno recuperati a data da destinarsi.